Elevatore linguale notturno

Dispositivi funzionali Vuoi commentare l'articolo?

Autori: Alberto Biasiolo-Ivano Salmaso-Leopoldo Ramin

L’E.L.N. è un sottile involucro linguale realizzato in resina acrilica con un ampio foro che lascia libera tutta la zona delle rughe palatine e della papilla retro incisiva.
Viene utilizzato nelle terapie di disfunzioni linguali, in quanto stimola la lingua attraverso la sua sensibilità e ne favorisce la risalita verso la zona delle rughe palatine.

Il dispositivo viene costruito in massima intercuspidazione e non deve creare interferenze occlusali. Le flange scendono lateralmente e parallelamente ai processi alveolari senza creare contatto. Nella parte anteriore si forma un piano inclinato di circa 60° rispetto al piano occlusale. L’arco vestibolare continuo è costruito con un filo da  0.8 mm, passa in distale dell’ultimo molare e deve essere passivo.

L’E.L.N. viene tenuto in posizione dalla lingua, non è necessario l’utilizzo di ausiliari di stabilizzazione (Adams, ganci a palla, etc.), in quanto, creerebbero interferenze occlusali. Tuttavia, in alcuni casi vengono utilizzati dei ganci tipo Korn (quando è associato a terapia fissa) o ganci di Saha in dentatura mista, come nelle foto allegate.
Il dispositivo va portato 3 minuti per 3 volte al giorno (esercizio educatorio per la nuova posizione linguale) e per tutta la notte.

Rispondi

Entries RSS Comments RSS Accedi